16.03.2009 Verona nuova capitale del Golf

golftownUn felicissimo matrimonio fra il golf e Verona suggella la 3.a edizione del Salone Italiano del Golf che puntava a fare della  città scaligera col suo potenziale ideale, dalla posizione geografica, la crescita economica e l’impianto fieristico internazionale  che ne fa la porta con l’Europa  la sede di un nuovo format di affari, spettacolo, incontri, sport, personaggi. Questo sulla spinta della crescita di questo sport che ha raggiunto i 100 mila praticanti e viene considerato un mezzo di comunicazione ideale per marchi e imprese anche di grande portata, come ad esempio, fra i tanti,  il Progetto Hole in One che consente di inserire in dimore di lusso ma anche foresterie e alberghi una suite con campo pratica, vasca massaggi, doccia emozionale, palestra e zona relax.


Quest’anno il Salone ha tenuto a battesimo brevetti e prodotti per la salute, il gioco e il perfezionamento della tecnica,  ha dato interesse ad alcune golftown2stravaganze, come il Vino del golf apprezzato da George Clooney o il van di 11 metri per feste, matrimoni  e giornate indimenticabili, con un interno di luci al neon, cristalli, musica, video in stile  hollywoodiano, ma s’è avvertita anche una crescita esponenziale per gli accessori, i servizi, i viaggi turistici gioco-vacanze in tutti i continenti, dal Messico al Marocco alle favolose Bahamas con i suoi campi  griffati da Greg Norman e Trent Jones e adagiati sulle famose spiagge bianche caraibiche.
Il Salone ha dato anche slancio all’azione promozionale su largo raggio e anche sul territorio con la Federgolf Veneta con i suoi oltre 40 campi, il programma per l’ingresso nelle scuole e il lancio di un programma turistico tramite un consorzio con la Regione Veneto, ed è piaciuto anche ai molti personaggi del golf e dello spettacolo che hanno caratterizzato con la loro presenza le 3 giornale, dalla madrina Eleonora Daniele allo show man Umberto Smaila, alle tre campionesse Veronica Zorzi, Sophie Sandolo e Silvia Cavalleri, oltre le glorie del calcio Antognoni, Sacchetti e Alessandrelli  protagonisti di una singolare Pro-Am con le proettes azzurre. Consensi a tutto tondo, a cominciare dal presidente federale Franco Chimenti premiato con Antognoni con gli Oscar del Golf, per il quale questa dea  rappresenta una soluzione interessante e dinamica sulla via di un rilancio dello sport italiano che ha possibilità di avviare dinamiche di autofinanziamento.
Golf Town ha dimostrato quindi anche di andare in controtendenza, ed è venuta una forte risposta alla crisi con investimenti, creatività, e nei 120 stand, davvero il termometro del successo si è respirato un clima di ottimismo. Il gruppo aretino, che stavolta ha presentato come elemento scenografico il campo indoor più grande al mondo con i suoi  mille metri  quadrati e una riproduzione fedele dei grandi campi con piante d’alto fusto, bunker, cascate d’acqua, e lanciato anche il suo  marchio d’abbigliamento che ha suscitato curiosità è insomma riuscito in soli 3 anni a diventare un marchio leader. Lo dimostra anche il coinvolgimento di 5000 persone “anche se tutti quanti, e non solo gli operatori – afferma il direttore del salone Lorenzo Pitirra – hanno percepito un interesse ben superiore”.
Per gli espositori e le aziende, finalmente il golf potrà contare su un appuntamento fisso e una sede ideale, e  l’appuntamento  2010  dal 27 febbraio all’1 marzo sarà ancora  l’apertura stagionale.
“La nostra grande soddisfazione – commenta Golf Town – è di aver fatto qualcosa che mancava dopo vari tentativi in città importanti come Milano e Roma. C’è un settore che s’impegna e da risultati. Il Salone ha trovato la sua identità in VeronaFiere, e tutti si sono raccomandati che questa sia la sede definitiva”.

December 2017
M T W T F S S
« Jan    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031